Vitamina D: l’80% degli italiani è carente

Pubblicato il 17 novembre 2014
Vitamina D: l’80% degli italiani è carente

Roma, 17 novembre 2014 – In Italia l’80% della popolazione è carente di Vitamina D e ciò determina importanti ricadute sulla diffusione delle malattie dell’osso e sulla mortalità. La sua assunzione rimane quindi fondamentale per contrastare l’insufficienza diffusa e trasversale della “vitamina del sole”, che in Italia è allo stesso livello da 20 anni. È quanto emerso a conclusione del XIV Congresso della Società italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).

Gli esperti della società scientifica provenienti da tutta Italia, riuniti con una delegazione dell’American Society for Bone and Mineral Research (ASBMR), hanno fatto il punto a Roma su diagnosi e terapia delle malattie dell’osso e, in particolare, hanno assunto una posizione differente rispetto a quella dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che alcuni mesi fa ha parlato di un abuso di Vitamina D in Italia.

“Tutti gli studi confermano che gran parte della popolazione italiana è affetta da Ipovitaminosi D – spiega il Presidente della SIOMMMS Giancarlo Isaia -. Ciò dimostra che non sono state attivate sistematiche politiche sanitarie volte a contrastare questa carenza; per esempio, sottoporre tutti, soprattutto gli anziani che si espongono meno ai raggi solari e i pazienti affetti da malattie croniche, a supplementazione con Vitamina D, anche senza un suo preventivo dosaggio ematico: in tal modo, si potrebbero certamente ridurre i rischi di fratture e i costi del SSN”.

La Vitamina D è stata quindi incoronata coprotagonista nella cura dell’osteoporosi, quale supporto fondamentale dell’efficacia dei farmaci, che senza di essa non conseguirebbero risultati importanti.

Inoltre, la prestigiosa Cochrane Collaboration in una recentissima review ha documentato come la Vitamina D – e in particolare il colecalciferolo – ha un impatto positivo addirittura in termini di mortalità (-6%).

“Non c’è un problema di abuso; la questione vera è l’urgenza di sottoporre a cura chi ne ha un effettivo bisogno. Nel caso dell’osteoporosi, oltre a pensare a nuovi farmaci o a terapie alternative, è quindi fondamentale sanare la carenza di Vitamina D – spiega Davide Gatti dell’Università di Verona -. Il suo livello nel sangue è la conseguenza del suo apporto dietetico e dell’esposizione al sole, ma in Italia il contributo della dieta è sensibilmente inferiore rispetto ad altri Paesi e l’apporto da esposizione ai raggi solari interviene comunque al massimo per il 30%”.
Gli esperti confermano che in Italia l’Ipovitaminosi D si verifica perché si mangiano meno grassi animali rispetto ad altri Paesi e perché non si adotta l’aggiunta di Vitamina D negli alimenti, come per legge fanno nel nord Europa. Una strategia che in Italia è stata bocciata anche per motivi economici.

La SIOMMMS chiude il suo evento associativo annuale, al quale hanno partecipato 81 relatori e circa 600 delegati, con l’obiettivo di continuare ad affrontare in diverse sedi istituzionali, amministrative e cliniche il problema dell’appropriatezza nel trattamento dell’osteoporosi che numerosi esperti, commentando un recente report dell’AIFA, non hanno esitato a definire “drammatico”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *