A Pavia il primo convegno regionale SIOMMMS Lombardia

Pubblicato il 22 febbraio 2018
A Pavia il primo convegno regionale SIOMMMS Lombardia

Il primo convegno SIOMMMS della regione Lombardia si terrà a Pavia il prossimo 7 aprile e si propone come un momento di incontro, discussione e confronto per tutti gli operatori sanitari che, a vario titolo, sono coinvolti nella gestione del paziente con osteoporosi. 

Al convegno sono stati assegnati 4,9 crediti ECM.  Per iscriversi è  necessario collegarsi al sito eventi.dynamicom.it, cliccare sul titolo dell’evento e seguire le istruzioni.

“L’obiettivo del convegno è quello di riunire gli esperti del metabolismo osseo, per condividere esperienze e progetti, per l’interesse dei pazienti lombardi e non solo – spiega Lorenzo Ventura, Delegato SIOMMMS Regione Lombardia. L’evento è rivolto non solo agli specialisti che si occupano di “osso fragile” ma a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella gestione del paziente con fratture da fragilità, la cui priorità è rappresentata dalla soluzione dei problemi provocati dalla malattia. L’obiettivo del convegno regionale SIOMMMS è di fare cultura e di creare una rete fra gli specialisti della Lombardia, per condividere le future strategie”.
L’intento è quello di migliorare la gestione del paziente, che oggi si presenta frammentaria e disomogenea, per renderla appropriata dal punto di vista diagnostico-terapeutico. Tale obiettivo comporta indubbiamente anche una ricaduta positiva sulla spesa e sulle risorse sanitarie, tanto care agli amministratori.

Il congresso è suddiviso in due parti: la prima imperniata sulla gestione del paziente osteoporotico fragile che vede come attori i clinici e le direzioni strategiche di ospedali e territorio, la seconda dedicata all’aggiornamento su alcune patologie che aumentano la fragilità scheletriche e sulla corretta terapia. Entrambe basate su criteri di evidenza scientifica e di appropriatezza terapeutica.

Per quanto riguarda il primo punto, l’obiettivo da perseguire è quello di creare, nel rispetto della nuova Riforma Sanitaria Lombarda, imperniata sulla gestione della fragilità e sulla centralità del paziente, un modello gestionale dei pazienti osteoporotici nel quale debbano essere ben definiti ruoli e competenze di ospedali e territorio, in base ai livelli di presentazione e gravità della patologia.

La tavola rotonda sugli aspetti gestionali delle fratture da fragilità, che si svolgerà alla fine della prima parte del convegno, è finalizzata all’individuazione delle criticità e alla loro soluzione, con la speranza di individuare un percorso concordato fra care giver e policy. Per sottolineare le problematiche inerenti la complessità della gestione clinica del paziente osteoporotico con fratture sarà “messo in scena” un caso clinico nel quale saranno evidenziati gli aspetti critici diagnostici-terapeutici e assistenziali attuali.

La seconda parte del convegno è dedicata all’inquadramento fisiopatologico e clinico della osteoporosi, in alcune delle sue presentazioni, e alla corretta terapia da intraprendere, sia in prevenzione primaria, che secondaria. In questo caso l’obiettivo è quello di creare una “cultura” condivisa tramite il coinvolgimento di riconosciuti esperti lombardi del settore, attivi sia dal punto di vista scientifico che clinico.

“L’invito a partecipare a questo convegno è rivolto, non solo agli iscritti alla SIOMMMS, ma a tutti i colleghi che si occupano di malattie del metabolismo osseo e che sono appassionati di questi temi. L’intento è quello di aumentare le nostre conoscenze e condividere esperienze, al servizio dei pazienti”, conclude Ventura.

Scarica il programma del Corso